EN IEC 61439-2: Quadri di potenza BT

EN IEC 61439-2: Quadri di potenza BT

Ultima modifica 09/04/2020

Lo scopo della Norma EN IEC 61439 (Apparecchiature Assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione) è quello di armonizzare, per quanto possibile, tutte le regole e le prescrizioni di natura generale applicabili alle apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione (focus sui Power Center) per ottenere una uniformità di prescrizioni e di verifiche per i quadri ed evitare di ricorrere ad altre Norme per le verifiche. 

La parte 1 della EN 61439 contiene tutte quelle prescrizioni che possono essere considerate comuni. 

Per ogni tipo di apparecchiatura che ricade sotto questa serie di norme, sono necessarie soltanto due Norme: 
-    La EN IEC 61439-1
-    La Norma specifica di "prodotto” (Parte 2; 3; 4; 5; 6)

La norma EN 61439 comprende le seguenti parti: 

a)   EN 61439-1: Regole generali
b)   EN 61439-2: Quadri di potenza
c)   EN 61439-3: Quadri di distribuzione destinati a persone non addestrate
d)   EN 61439-4: Quadri per cantiere
e)   EN 61439-5: Quadri per distribuzione di potenza
f)    EN 61439-6: Sistemi di condotti sbarre
 

La EN IEC 61439-1 tratta le definizioni e stabilisce le condizioni di servizio, le prescrizioni di costruzione, le caratteristiche tecniche e le prescrizioni di verifica dei quadri per bassa tensione: è in sostanza la norma generale. Nessuna apparecchiatura può essere formalmente certificata esclusivamente alla EN IEC 61439-1 dato che non “è completa”: necessita di una delle altre 5 norme. Per esempio, i quadri di potenza hanno come norma di prodotto la EN IEC 61439-2, la quale fa pesante riferimento alla EN IEC 61439-1: Regole generali.

La parte 1 della Norma, solo se richiesto dalla relativa Norma di prodotto, si applica ai quadri per bassa tensione come segue: 
-    Quadri la cui tensione nominale non sia superiore a 1000 V in corrente alternata, oppure a 1500 V in corrente continua; 
-    Quadri fissi o movibili, con o senza involucro; 
-    Quadri destinati ad essere utilizzati in unione con equipaggiamenti per la produzione, la trasmissione, la distribuzione e la conversione della energia elettrica e per il comando delle apparecchiature che utilizzano energia elettrica;
-    Quadri destinati ad essere utilizzati in speciali condizioni di servizio, per esempio su navi, su veicoli su rotaia, a condizione che siano rispettate le altre specifiche prescrizioni corrispondenti; 
-    Quadri progettati per l’equipaggiamento elettrico delle macchine purché siano conformi alle altre specifiche prescrizioni corrispondenti.

Questa Norma si applica a tutti i quadri che sono progettati, costruiti e verificati in singolo esemplare o ai quadri che sono completamente standardizzati e costruiti in grandi serie. 
 

Sicurezza nella robotica collaborativa

Non esiste un "robot collaborativo". Questa è una delle prime dichiarazioni di chi lavora nella robotica collaborativa. Il motivo è che un robot può essere progettato per un compito collaborativo, ma è l'applicazione che rende il "robot collaborativo". Lo standard di riferimento per l'applicazione collaborativa è ISO / TS 15066: 2016 - ROBOT E DISPOSITIVI ROBOTICI - ROBOT COLLABORATIVI Lo standard sarà incluso nella nuova edizione di 2 importanti standard sui robot: ISO 10218-1: Robotica - Requisiti di sicurezza per i sistemi robotizzati in ambiente industriale - Robot ISO 10218-2: R