Considerazioni sulla frazione di guasti sicuri SFF nelle modalità high e low demand (P3)

Ultima modifica: 24/11/2023

In questo articolo abbiamo presentato un parametro importante, usato sia in high che low demand: la frazione di guasti sicuri SFF. In questo articolo discuteremo alcuni aspetti critici collegati all’utilizzo dell’SFF. Forniremo anche alcuni requisiti per definire “rilevabili” i guasti.

 

Introduzione

Dall’articolo precedente, ricordiamo che la frazione di guasti sicuri è calcolabile dalla seguente equazione:

 

SFF = (λS+λDD) / (λS+λD)

 

È utilizzata insieme alla “tolleranza al guasto” (HFT – Hardware Fault Tolerance) di un sottosistema per determinare il massimo livello SIL raggiungibile.

In Low demand, l’SFF è usato quando viene seguita la cosiddetta “Route 1H” e, a seconda del tipo di componente, una delle due tabelle seguenti deve essere utilizzata:

In High demand, la IEC 62061 riporta la seguente tabella di riferimento, valida per qualsiasi tipo di componente. Ricordiamo che la classificazione in tipo A e tipo B non è applicabile in High demand.