IEC 61508: Sicurezza funzionale dei E/E/PE

FMEDA

Ultima modifica 26/03/2022

FMEDA

Il Failure Modes, Effects, and Diagnostic Analysis (FMEDA) è usato per calcolare i guasti casuali di un prodotto. È un'estensione della classica procedura FMEA. La tecnica è stata sviluppata inizialmente per i dispositivi elettronici, ma ora è usata anche per i dispositivi meccanici ed elettromeccanici.

La FMEDA viene eseguita esaminando ogni elemento di un prodotto e, per ogni elemento, viene analizzato l'effetto di un guasto casuale sul prodotto stesso. Le domande poste sono: un guasto in un resistore specifico causerà un guasto sicuro, un guasto pericoloso o una perdita di calibrazione del prodotto? Se la linea di comunicazione seriale dall'A/D al microprocessore va in corto circuito, come risponde il sistema? Se questa molla si rompe, ciò causa un guasto pericoloso o sicuro? In questo modo si analizza il tasso di guasto di ogni elemento e si sommano i vari sottosistemi. Il risultato finale è un insieme di dati sui guasti specifici del prodotto, che include i tassi di guasto per ogni modalità di guasto: tassi di guasto rilevati e non rilevati dalla diagnostica, calcoli della Safe Failure Fraction (SFF) e, spesso, una spiegazione su come utilizzare i numeri per i calcoli di verifica della sicurezza. 

La FMEDA a volte è fatta dal costruttore del prodotto di sicurezza (per esempio, un trasmettitore di pressione) ma, tipicamente, è fatto da terzi: laboratori o enti come il TUV, Exita o altri.

Va sottolineato che la FMEDA fornisce i tassi di guasto, i modi di guasto e l'efficacia della copertura diagnostica per i guasti casuali dell'hardware. Non include i tassi di guasto dovuti a cause "sistematiche", tra cui l'installazione errata, il danno involontario, la calibrazione errata o qualsiasi altro errore umano.

Si consideri inoltre che, per stimare i tassi di guasto di prodotti usati in sistemi di sicurezza, è anche possibile utilizzare i dati dal campo. Questo è ciò che la IEC 61508-2 indica come Route 2H. Per ulteriori approfondimenti si rimanda al paragrafo § 7.4.4.3.3 dello standard IEC 61508-2.

Sicurezza nella robotica collaborativa

Non esiste un "robot collaborativo". Questa è una delle prime dichiarazioni di chi lavora nella robotica collaborativa. Il motivo è che un robot può essere progettato per un compito collaborativo, ma è l'applicazione che rende il "robot collaborativo". Lo standard di riferimento per l'appli