"Proven in use" e "Prior use"

"Proven in use" e "Prior use"

Ultima modifica 05/01/2023

IL DUBBIO: Qual è la differenza tra un dispositivo “Proven in use” e un “Prior use”?

 

Le due espressioni sono abbastanza simili ed è molto facile confonderle. Innanzitutto, di cosa stiamo parlando? Forse sapete che i componenti devono avere dati di affidabilità per poter essere utilizzati in un sistema di sicurezza (IEC 61511). Il modo più utilizzato è quello che viene chiamato Route 1H: implica che un componente debba presentare i valori dei tassi di guasto raccomandati dalla serie IEC 61508:

  • λSD: Tasso di guasti sicuri diagnosticati
  • λSU: Tasso di guasti sicuri non diagnosticati
  • λDD: Tasso di guasti pericolosi diagnosticati
  • λDU: Tasso di guasti pericolosi diagnosticati
  • λNE: Tasso di guasti con nessun effetto

Ci sono però situazioni in cui un componente non presenta dati di affidabilità, ma è stato utilizzato in un sistema di sicurezza per lungo tempo, senza guasti. L’assenza di guasti è stata adeguatamente documentata. Per permettere l’utilizzo di questi prodotti, la norma IEC 61508 Ha introdotto il concetto di componenti "Proven in Use".

La IEC 61511 ha seguito lo stesso approccio definendo il concetto di componente "Prior Use". Vediamo il concetto in dettaglio.

 

PROVEN IN USE

Il concetto di Proven in Use nasce nell'industria di processo, nella quale è frequente la presenza di componenti che non dispongono di dati di affidabilità, ma che sono stati già ampiamente utilizzati in una specifica applicazione e di cui il produttore ha raccolto i dati relativi ai suoi guasti in modo dettagliato. Ecco la definizione:

[IEC 61508-4: 2010] 3.8 Verifica delle misure di sicurezza

3.8.18 Proven in Use. Dimostrazione, basata sull'analisi dell'esperienza operativa per una determinata configurazione di un elemento, che la probabilità di guasti sistematici pericolosi è sufficientemente bassa affinché ogni funzione di sicurezza che si avvale dell'elemento raggiunga il livello di sicurezza richiesto.

Lo stato di Proven in Use si basa sulle condizioni di utilizzo previste dal costruttore in progettazione (ad esempio, limite di temperatura, limite di vibrazioni, limite di corrosione, manutenzione periodica prevista). Questa definizione non tiene conto del fatto che un utilizzatore, nel suo ambiente di processo, è in grado di raccogliere dati sull'affidabilità di componenti specifici. Per questo motivo la norma IEC 61511-1, nell'edizione 2015, ha definito i componenti "Prior Use". Esso fa riferimento alle prestazioni del dispositivo installato per una particolare applicazione di processo  in uno specifico ambiente operativo, spesso diverso dalla situazione di progetto prevista del produttore.

 

PRIOR USE

Questo concetto è stato introdotto nella seconda edizione della norma IEC 61511-1, per consentire al responsabile del processo di utilizzare componenti senza adeguati dati di affidabilità forniti dal produttore.

[IEC 61511-1] 3.2 Termini e definizioni

3.2.51 Prior Use. Valutazione documentata da parte di un utilizzatore che un dispositivo è adatto all'uso in un SIS e può soddisfare i requisiti di integrità funzionale e di sicurezza funzionale richiesti, basata su precedenti esperienze operative in ambienti operativi simili.

La valutazione dello stato di Prior Use di un componente necessita della raccolta di informazioni sulle prestazioni del dispositivo in un ambiente operativo simile. Viene garantita la funzionalità e l'integrità del dispositivo installato, comprese le sue interfacce di processo, i suoi limiti di utilizzo, le interconnessioni. L'intento principale della valutazione di Prior Use è quello di raccogliere prove che i guasti sistematici pericolosi siano stati ridotti a un livello sufficientemente basso rispetto al tasso di affidabilità richiesta. I dati relativi al Prior Use possono contribuire a creare un database per il calcolo dei tassi di guasto dell’hardware.

 

CONCLUSIONE

Per riassumere i concetti di Proven in Use e Prior Use, possiamo affermare che il concetto di Proven in Use si basa sui dati applicativi forniti dal produttore, mentre il Prior Use fa riferimento alle prestazioni dei dispositivi installati per una determinata applicazione in uno specifico ambiente operativo. L’espressione Prior Use è stata creata appositamente per il settore dei processi, per sfruttare i dati ottenuti dall'esperienza operativa con i dispositivi. Il Proven Use si basa principalmente sull'esperienza del costruttore e sui dati raccolti durante la sostituzione di prodotti guasti.

Sicurezza nella robotica collaborativa

Non esiste un "robot collaborativo". Questa è una delle prime dichiarazioni di chi lavora nella robotica collaborativa. Il motivo è che un robot può essere progettato per un compito collaborativo, ma è l'applicazione che rende il "robot collaborativo". Lo standard di riferimento per l'applicazione collaborativa è ISO / TS 15066: 2016 - ROBOT E DISPOSITIVI ROBOTICI - ROBOT COLLABORATIVI Lo standard sarà incluso nella nuova edizione di 2 importanti standard sui robot: ISO 10218-1: Robotica - Requisiti di sicurezza per i sistemi robotizzati in ambiente industriale - Robot ISO 10218-2: R