Consulenza

Consulenza
Consulenza / Quadri Bordo Macchina

Conformità Quadri Bordo Macchina

Le norme EN 60204-1 e EN IEC 61439-1

La norma di riferimento per la progettazione e costruzione dei quadri Bordo Macchina o a servizio di Macchinari è la:

 

EN 60204-1: Sicurezza del macchinario - Equipaggiamento elettrico delle macchine. Parte 1: Regole generali.

 

La norma analizza le varie funzionalità richieste all'equipaggiamento elettrico di una Macchina e ne fornisce dei criteri di dimensionamento:

- Sezionamento (Cap. 5). Tra i principali errori vi è la confusione tra necessità di un sezionatore esterno e la richiesta di un blocco porta.

- Protezione dalla scossa Elettrica (Cap. 6). Anche qui si trovano spesso errori negli schemi, dovuti anche al fatto che la norma dà per scontato la conoscenza della funzione di sistemi di messa a terra TN e TT.

- Collegamenti equipotenziali (Cap 8): Qui purtroppo la norma è scritta in modo troppo articolato, tale per cui il costruttore è portato a concludere che tutte le parti strutturali dell'equipaggiamento elettrico si debbabo mettere a terra. 

- Circuiti e funzioni di comando e controllo (Cap. 9): la messa a terra a valle di un trasformatore di comando è ancora oggetto di discussione.  

- Verifiche (Cap 18): è qui che viene spiegata e richiesta la verifica dell’impedenza dell’anello di guasto e l'idoneità del corrispondente dispositivo di protezione contro le sovracorrenti.

 

Questa non è tuttavia la sola norma applicabile ai Quadri delle macchine. Purtroppo anche la EN IEC 61439-1 deve essere rispettata, sebbene da anni si discute, all'interno dei comitati tecnici, del fatto che tale norma contiene richieste "troppo severe" per quadri che sono spesso costruiti in esemplare unico.

Uno degli aspetti critici è la Verifica di Progetto detta "Tenuta al cortocircuito" §10.11. Questa può essere evitata:

a) Per i QUADRI che hanno correnti nominali di breve durata, (si veda 5.3.4), o correnti nominali di cortocircuito condizionate non superiori a 10 kA valore efficace (si veda 5.3.5).
b) Per i  QUADRI o circuiti di QUADRI protetti da dispositivi limitatori di corrente aventi una corrente di picco limitata non superiore a 17 kA in corrispondenza della corrente presunta di cortocircuito massima ammissibile ai terminali del circuito di entrata del QUADRO. 
c) Per i circuiti ausiliari dei  QUADRI previsti per essere collegati a trasformatori la cui potenza nominale non superi 10 kVA con una tensione nominale secondaria che non sia inferiore a 110 V, oppure non superi 1,6 kVA con una tensione nominale secondaria inferiore a 110 V, e la cui impedenza di cortocircuito non sia inferiore al 4 %. 
Tutti gli altri circuiti devono essere verificati.

Teniamo corsi di formazione sulla conformità dell'Equipaggiamento Elettrico alla Normativa Vigente, come anche eseguiamo attività di consulenza.