Consulenza

Consulenza
Consulenza / Analisi del Rischio di Arc Flash

Analisi del Rischio di Arc Flash

La "CEI 11-27: Lavori su impianti elettrici" e la NFPA 70E

Introduzione

Nei Lavori Elettrici, oltre al rischio di contatti diretti con parti attive non protette, vi è il rischio di essere investiti da un arco elettrico.

La "CEI 11-27: Lavori su impianti elettrici" indica tale rischio e prescrive in generale:

DPI da utilizzare per la prevenzione del rischio elettrico: elmetto, visiera, guanti isolanti, vestiario resistente all’arco elettrico

La normativa Nord Americana, e in particolare quella Statunitense, è invece più precisa sulla gestione di tale rischio.

L'equivalente della nostra CEI 11-27 è la

NFPA 70E: Standard for Electrical Safety in the Workplace 

Arc Flash Boundary

Analisi del Rischio di Arc Flash

Zona Pericolosa per l'Arco  (Arc Flash Boundary). E' il limite al di sotto del quale l'eventuale arco elettrico supera il valore di 5 J/cm2 (1.2 cal/cm2), ritenuta la soglia pericolosa. Se si lavora quindi al di sotto di tale distanza, non servono DPI particolari per il rischio di arco.

 

L'Arc Flash Boundariy dipende sia dal valore della corrente di corto circuito nel punto di installazione, che dal tempo di apertura della linea in caso di guasto. L'obbligo del calcolo di tale distanza non spetta al costruttore del quadro ma all'utilizzatore del macchinario, tuttavia quest'ultimo vi può "passare l'onere" in fase di richiesta d'offerta.

 

In tal caso non esitiate a contattarci!

 

Infine i DPI per l'Arco Elettrico si dividono in cinque categorie:

- DPI per protezione contro l'arco elettrico di Categoria 0 (solo una camicia ignifuga e degli occhiali)

- DPI per protezione contro l'arco elettrico di Categoria 1

- DPI per protezione contro l'arco elettrico di Categoria 2

- DPI per protezione contro l'arco elettrico di Categoria 3

- DPI per protezione contro l'arco elettrico di Categoria 4 (Servono abiti certificati all'arco o "Arc Rated")

Limited e Restricted Approach Boundary

Queste distanze riguardano in generale il rischio elettrico. Non sono quindi specifiche per l'arco elettrico

- Zona Limite (Limited Approach Boundary). E' la distanza oltre la quale vi è un rischio elettrico: equivalente alla misura DA9 della CEI 11-27. Per lavori sotto tale distanza serve in generale un permesso sritto del datore di lavoro. Il tutto molto simile a quanto richiesto dalla legislazione Italiana. 
- Zona Ristretta (Restricted Approach Boundary).  E' la distanza oltre la quale il lavoratore deve indossare dei DPI elettrici, dato che il rischio di contatto con parti attive diventa significativo. E' simile alla distanza di sicurezza della CEI 11-27.

 

Analisi del Rischio di Arc Flash

Arc Flash Labels

Un altro valore importante, secondo la normativa NFPA 70E, è l'intensità dell'arco elettrico a circa 0,5m dalle parti attive con rischio di arco. Si vuole in altri termini informare il dipendente del valore dell'intensità d'arco nel caso l'incidente accada quando si trova ad una distanza di 18" (45 cm circa). Naturalmente se > 1,2 cal/cm2, si tratta di un arco pericoloso e che richiede certi dispositivi di protezione da arco. Si parla quindi di:

- Working Distance (distanza di lavoro più probabile): 18" per esempio

- Available Incident Energy (Intensità dell'arco a tale distanza): 7 cal/cm2 per esempio

Tutte le informazioni sul rischio da Arco Elettrico vanno indicate in una targa che deve essere visibile all'esterno del quadro. Esempi sono riportati qui sotto.

 

GT Engineering svolge Analisi complete, come richieste dalla normativa NFPA 70E, sul rischio da arco elettrico.

Analisi del Rischio di Arc Flash